Warning: include(/web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/includes/_bb_press_plugin.class.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/themes_wp.php on line 30 Warning: include(/web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/includes/_bb_press_plugin.class.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/themes_wp.php on line 30 Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/includes/_bb_press_plugin.class.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.arteteca.net/home/wp-content/plugins/themes_wp/themes_wp.php on line 30 Iniziare il 2016 chiacchierando di pizze! – Artèteca
E dai jà ... teniamoci in contatto con i social, mi raccomando!

Iniziare il 2016 chiacchierando di pizze!

Iniziare il 2016 chiacchierando di pizze!

Iniziare il 2016 chiacchierando di pizze!

Ciao Fabrizio, innanzi tutto buon anno … ho visto le tue foto su Facebook … ti sei fatto una bella scorpacciata di pizze in queste vacanze!

Ciao Luciano, buon anno anche a te. Era un bel poa�� che non mi fermavo a Napoli per 10 giorni e cosA� tra riunione di amici, parenti miei, della mia signora, ingegneri, sono riuscito a visitarne ben quattro stavolta.

Fabrizio ovviamente – c’est moi! Luciano – in corsivo – A? Luciano Furia, fotografo di food e gran frequentatore di pizzerie napoletane, per lavoro e per diletto. A gennaio abbiamo avuto uno scambio di opinioni via FB. Ve lo riporto. Tranquilli, lui lo sa!

Solo quattro in dieci giorni? Quasi sotto la mia media “nutrizionistica”, insomma! Ma dimmi un poa��, coma��A? andata?

Vado in ordine di visita allora … la prima pizzeria visitata A? stata 50 KalA?. Sono dovuto andarci alle venti per minimizzare la fila, perA? sono stati gentilissimi, avevamo anche un ragazzo con le stampelle, cinque minuti ed eravamo seduti.

Incredibile la fila li … ma davvero sei andato alle 20 e sei riuscito ad entrare rapidamente? Io ci vado alle diciannove, prima della��apertura, e aspetto che aprano, oppure alle 15 a fine turno, per una a�?pizza inglesea�? delle diciassette.

Si, davvero, ca��A? sempre fila … e se non A? un successo questo?! Vuol dire che fai un ottimo prodotto. Comunque eravamo in dieci, ho lasciato mano libera a Ciro Salvo. Ci ha sfornato un paio di novitA� e qualche classico. Abbiamo iniziato con la Montanara grande, porzionata, davvero ottima, fritto leggerissimo, poi Margherita come atto di devozione, la 50 KalA?, la Carbonara e la Salsiccia e broccoli … purtroppo ero con stomaci piccoli che hanno preferito fermarsi qui, ma io sarei andato avanti … la��impasto A? davvero etereo, avevo ancora fame.

A me piace molto la pizza da Ciro, e ultimamente A? ancora piA? morbida. PerA? non hai preso il mio a�?digestivoa�?: il Ripieno bianco con ricotta e cicoli !!! La prossima volta provala alla fine e mi dirai ! io invece non sono rimasto particolarmente a�?colpito e affondatoa�? dalla Carbonara.

Guarda, anche io ero scettico, la��avevo vista su Facebook, perA? devo dire che mi A? piaciuta molto … la��ho trovata molto equilibrata, sarA� che vivo a Roma. PerA? la 50 KalA? A? quella che piA? mi A? piaciuta. Speriamo metta in carta nuove pizze, di quelle che ti fanno davvero esclamare “wow”!!! Ciro ha tutti i numeri per farlo!

In questo momento quando passo da Ciro ordino il mio poker: Ripieno bianco, quella del Monaco, la Margherita con la a�?nduja e la Pizza dell’alleanza. Ma su quel’impasto ci potrebbe mettere di tutto !

Poi altra tavolatona da Gino Sorbillo ai Tribunali … mi aveva promesso che si sarebbe fatto trovare e invece niente, mi ha dato buca.

Peccato! La presenza di Gino, a prescindere dalla pizza, A? un “plus” notevole nella “Sorbillo Experience”.

Devo dirti che ci ha davvero sorpreso; innanzitutto tavolone da dodici, con la folla che ha, dieci minuti e ti arriva la prima pizza. Calzone fritto servito nella stufa, nella carta del pane; i miei amici non potevano crederci. E poi ci ha letteralmente steso: ha fatto uscire il Ripieno aperto, la Nonna Carolina col pesto, la Mariarosaria con i ciccioli, la Gennaro con i pomodorini gialli, la Umberto pomodori gialli e rossi del piennolo, la Antonio con le alici, oltre alla devozione di un paio di Margherite classica e DOP.

E devo dirti che io ero molto, molto scettico sull’utilizzo della farina bio che sta usando ultimamente, Invece dopo l’ottimo esito nell’utilizzo nella pizza fritta che serve da “zia Esterina” sempre con farine bio, ora anche l’impasto di Gino a Via Tribunali A? ottimo, con dei sapori e odori non tradizionali, ma molto seducente. E se pensi che nei giorni di punta sfora le 1500 pizze al giorno, con due fornisti, uno che inforna e uno che sforna, il loro gioco di squadra A? degno del team del cambio gomme Ferrari!

Si, A? incredibile la qualitA� delle pizze con i numeri che fa quel locale; anche senza Gino a questo punto, dato che ieri non ca��era. Comunque a Gino piace vincere facile … i suoi abbinamenti sono molto comfort food, aiutato da ottimi prodotti. E quella al pesto era straordinariamente bilanciata … ancora ricordo un incubo notturno con una pizza al pesto di un altro pizzaiolo provata qualche anno fa. Bravo Gino!

E poi ho visto un calzone con una faccia conosciuta.

Non ti si puA? nascondere niente … perA? quella A? stata una pizza unica assaggiata, ma credo la ricorderA? a lungo. Il primo gennaio abbiamo pranzato sul tardi da Palazzo Petrucci, la pizzeria, forse la��unico aperto in zona. Mi sono imbattuto nel Calzone Palazzo Petrucci.

Con il ragA? monumento nazionale di Lino Scarallo?

Si, proprio lui; anche qui, avevo ricordi non felici di pizze con il ragA? negli anni addietro. Ma credo che questa la ricorderA? a lungo, davvero ottima.

La pizza con il ragA? A? ottima! PerA? ho suggerito di farlo un po’ piA? piccolo per bilanciarle il ragA? con l’impasto. Purtroppo da dirimpettaio di Palazzo Petrucci ora sono triste visto che la parte ristorante se ne A? andata!

Per finire, sulla via del ritorno verso Roma, piccola deviazione a Caiazzo.

Ottimo pit stop, ma anche come destinazione “dedicata”.

Peccato fosse sabato, puoi immaginare la folla che c’A? da Pepe in Grani.

Oramai questi pizzaioli devi visitarli alle 19 … e neanche A? detto che si riesca a mangiare in tranquillitA�.

Speriamo che Franco riesca a ridurre le attese in qualche modo, mi ha detto che sta lavorando ad una soluzione che dovrebbe dimezzare i tempi del servizio … speriamo. Tale era la folla, che non ca��era neanche la possibilitA� di fare la degustazione, per cui abbiamo ordinato alla carta …

Invece l’ultima volta sono andato da Franco di domenica, a pranzo quando fa un unico turno su prenotazione, quindi non c’A? alcuna fila: una pace e una tranquillitA� incredibili! Per i tempi di attesa al tavolo sono certo che Franco se ne uscirA� con qualche asso nella manica che stupirA� tutti! Comunque, che avete assaggiato?

Si, bella mossa quella della domenica a pranzo … abbiamo assaggiato qualche novitA� e qualche classico: la Margherita sbagliata, una margherita concepita a favore degli obiettivi, molto fotogenica, la super-classica Mastunicola, che fa sempre la sua porca figura, sia su chi la assaggia la prima volta, sia su chi la riassaggia per l’n-sima volta, una devozionale Margherita. Poi abbiamo preso anche una Fantasia di pomodori, davvero una super pizza, con una concentrazione di sapore nei tre tipi di pomodoro utilizzato davvero unica, ed una Viandante, una pizza un poa�� fuori dagli schemi della pizza napoletana, trattandosi si una focaccia con mortadella e ricotta, ingentilita dallo zeste di buccia di limone; a me comunque A? piaciuta molto.

Insomma sei riuscito a assaggiare ben due pizze da Franco che io non conosco: Viandante e Fantasia di pomodori: devo rimediare! E tu la prossima volta prova la Vegana: un incredibile mix di ingredienti, uno caldo, la cipolla di Montoro caramellata, e uno fresco, passata di ceci e cicoria.

Eh eh eh per una volta ti ho battuto, ma la prossima volta che vengo a Napoli ci sediamo assieme al tavolo.

Promesso … perA? scelgo io la pizzeria.

La foto di apertura e quelle dei 3 pizzaioli sono di Luciano Furia, cosA� come tutte quelle belle nella gallery (A? anche indicato l’autore). Le altre – quelle meno belle – sono del sottoscritto.

Palazzo Petrucci ( ...

Ciro Salvo-Scarola ...

Ciro Salvo (by L.F ...

Franco pepe-Sole n ...

Franco Pepe (by L. ...

Gino Sorbillo-Marg ...

Gino Sorbillo (by ...

FrancoPepe-Viandan ...

Franco Pepe-Delizi ...

Franco Pepe-Mastu ...

Franco Pepe-Montan ...

Ciro Salvo-Broccol ...

Gino Sorbillo-Genn ...

Gino Sorbillo-Nonn ...

Gino Sorbillo-Anto ...

Gino Sorbillo-Umbe ...

Ciro Salvo-Carbona ...

Ciro Salvo-Margher ...

Ciro Salvo-50 Kal ...

Ciro Salvo-Montana ...

Palazzo Petrucci-M ...

77
custom term paper writing service